Yoga Mindfulness
 
Lo Yoga Mindfulness è un lavoro psicofisico di crescita personale che unisce Yoga e Meditazione, lavorando sul sistema corpo-energia-mente, con lo scopo di sviluppare la consapevolezza. E' una disciplina che integra diverse pratiche orientali e occidentali per favorire il contatto con il mondo interiore, e attivare lo sviluppo delle capacità di osservazione e di percezione sottile, la presenza mentale, il non giudizio e l'accoglimento di "quello che c'è, così com'è". Ciò consente il fiorire della consapevolezza a tutti i livelli della persona e l'attitudine alla gentilezza amorevole e alla compassione.
 
 
Finalità.  E' una disciplina che integra diverse pratiche orientali e occidentali per favorire il contatto con il mondo interiore, e attivare lo sviluppo delle capacità di osservazione e di percezione sottile, la presenza mentale, il non giudizio e l'accoglimento di "quello che c'è, così com'è".
Ciò consente il fiorire della consapevolezza a tutti i livelli della persona e l'attitudine alla gentilezza amorevole e alla compassione.
 
Fondamenti.  Il metodo fornisce una solida cornice teorica basata sulle millenarie conoscenze della tradizione yogica e buddhista, ma propone una pratica che permette di farne esperienza diretta consentendo di scoprire il proprio corpo e di entrare in contatto con le energie più sottili e con una dimensione mentale meno operativa/concettuale, dando spazio alle capacità intuitive, contemplative e meditative.
Vengono usati, combinandoli in maniera sinergica, i principi e la pratica provenienti:
- dalla tradizione dello Yoga utilizzando come veicolo privilegiato il lavoro sui chakra (intesi come plessi psichici) che agisce sull'energia quale elemento di contatto/ponte/connessione tra corpo e mente;
- dalla Meditazione di Consapevolezza, applicazione laica dalla Vipassana o "meditazione di visione profonda", una delle pratiche fondanti del sentiero buddhista;
- dalla Mindfulness intesa come ricerca e metodo che favorisce la capacità di essere presenti a tutto quello che si incontra nel "qui ed ora", aiutando anche a sviluppare le qualità del cuore (amorevole gentilezza e compassione).
 
Il lavoro della consapevolezza.  Lo Yoga-Mindfulness lavora contemporaneamente sui tre livelli della consapevolezza attivati dalla Mindfulness:
- consapevolezza dei propri bisogni primari, desideri e necessità, attraverso il lavoro sui plessi psichici inferiori che favorisce sia l'introspezione che lo sblocco di energie rimosse;
- consapevolezza dei propri automatismi mentali e delle proprie modalità relazionali attraverso l'introspezione e la pratica della Mindfulness in relazione.
- consapevolezza derivante dal superamento dell'Io-Mio, verso il contatto con la dimensione transpersonale, che è il fondamento della psicologia buddhista della liberazione, attraverso la Meditazione.
 
Il percorso.  L'esperienza porta ad allentare i condizionamenti derivanti dall'attaccamento e dall'avversione connessi alla mente ego-centrata, abituata a giudicare il mondo con le categorie mi piace/non mi piace, bello/brutto, buono/cattivo e basata sulla reificazione continua di una immagine di sé e del mondo troppo spesso immutata ed immutabile, per trasformarla in una mente aperta e contemplativa che sappia cogliere la visione della mutevolezza e della interdipendenza di tutti i fenomeni e renderla quindi meno separativa e più unitaria e pacificata.
Il contatto con il corpo e il respiro è l'inizio del percorso che permette di disintossicare le tensioni, liberando le energie che le sostengono, e di osservare e studiare, nel contempo, la sinergia fra corpo, energia e mente.
Lo sviluppo della percezione profonda e sottile favorisce l'introspezione e la comprensione delle proprie emozioni e dei propri meccanismi, e quindi permette di andare in profondità del proprio vissuto personale.
Il lavoro sui chakra aiuta a superare i blocchi presenti nei plessi psichici, canalizza e armonizza le energie; l'essere più centrati e radicati crea una forza interiore che consente maggiore apertura, flessibilità e autenticità con se stessi e con gli altri e di sviluppare quindi le proprie potenzialità umane.
La meditazione permette di scoprire il proprio mondo interiore e di accendere un faro nella mente che illumina progressivamente l'essere più profondo da cui emerge quella conoscenza che conduce alla saggezza.

La presenza mentale.  La flessibilità psicofisica, il radicamento, il contatto con l'energia interiore, l'accettazione non giudicante di tutte le parti di sé, da quelle più luminose a quelle più buie, e quindi la visione e la consapevolezza derivante dalla caduta di quelle illusioni che i buddhisti chiamano difetti mentali, consentono di sbloccare gran parte delle energie impiegate nella difesa di una immagine di sé spesso rigida e stereotipata per convogliarle verso il vivere pienamente e consapevolmente il momento presente, aperti a ciò che accade dentro e fuori di sé e per imparare ad aprirsi alla intuizione, alla percezione e al nutrimento che ci viene dalla dimensione sacra e spirituale della vita.
 
Ispirazione torica e pratica.  Yoga-Mindfulness come viene elaborato e applicato nella Scuola Il filo del Sé FYM, trova le sue radici e i suoi fondamenti in una sintesi fra antiche tradizioni e attualizzazioni contemporanee, integrando principi e pratiche:
- della Open Mindfulness come presenza e accettazione di "quello che c'è, così come è", in modo radicalmente disinteressato e con il cuore aperto e come è stata elaborata dalla Mindfulness Project di Pomaia.
- dello Yoga tradizionale e in particolare dell'Hatha Yoga, del Pranayama e del Kundalini Yoga così come sono stati elaborati dallo Yoga Evolutivo teorizzato e insegnato da Paolo Menghi negli anni 1990-1998 nella Scuola da lui fondata a Roma.
- del Buddhismo tibetano che ha sviluppato lo studio della mente che costituisce la psicologia buddhista della liberazione.
- della tradizione Theravada che approfondisce la Meditazione Vipassana derivante dagli insegnamenti del Buddha.